The human scale

TheHumanScale
[rev_slider thehumanscale]

The Danish architect Jan Gehl has studied human behavior in cities through 40 years. He questions our assumptions about modernity.

L’architetto danese Jan Gehl studia il comportamento umano nelle città negli ultimi 40 anni  e mette in discussione i nostri presupposti sulla modernità,

50% of the world’s population lives in urban areas. By 2050 this will increase to 80%. Life in a mega city is both enchanting and problematic. Today we face peak oil, climate change, loneliness and severe health issues due to our way of life. But why? The Danish architect and professor Jan Gehl has studied human behavior in cities through 40 years. He has documented how modern cities repel human interaction, and argues that we can build cities in a way, which takes human needs for inclusion and intimacy into account. The Human Scale meets thinkers, architects and urban planners across the globe. He questions our assumptions about modernity, exploring what happens when we put people into the center of our planning.

Il 50% della popolazione mondiale vive in aree urbane. Entro il 2050 questo aumenterà all’ 80%. La vita in una grande città è allo stesso tempo affascinante e problematica. Oggi affrontiamo il picco del petrolio, il cambiamento climatico, la solitudine e problemi di salute gravi dovuti al nostro stile di vita. Ma perché? L’architetto e professore danese Jan Gehl ha studiato il comportamento umano nelle città negli ultimi 40 anni. Egli ha documentato come le città moderne respingano l’interazione umana, sostenendo che oggi siamo in grado di costruire le città nel rispetto dei bisogni umani e nel rispetto dell’intimità. The Human Scale incontra pensatori, architetti e urbanisti di tutto il mondo. Mette in discussione i nostri presupposti sulla modernità, esplorando ciò che accade quando mettiamo le persone al centro della nostra programmazione.

Film profile

Director: Andreas Dalsgaard
Year: 2012
Language: English
Duration: 83 mins
See trailer

Screened at MDFF 2013 (with Italian subtitles)

Comments are closed.