Una rivoluzione dell’abbigliamento: il trionfo della TuTa

 

Promuovere un abito significa anche propagandare ideali: modernità velocità linearità accessibilità. Il film ritrae il poliedrico artista fiorentino Ernesto Michahelles, in arte Thayaht, intento a disegnare l’abito universale, la tuta, icona dell’uniformazione del popolo sotto il regime. Uniti si vince, e allora tuttintuta! Ad accogliere la nascita della TuTa, il popolo fiorentino, che attende che Thayaht lo guidi attraverso la città, inscenando una sorta di secondo rinascimento, che non celebra l’individuo, ma il valore della comunità, della massa. Il film, un prezioso documento storico – incluso nel programma di MDFF 2015 grazie alla partnership con il brand di moda Vionnet – restaurato negli anni cinquanta e conservato presso l’Archivio Thayaht & RAM, affronta temi disparati; uno su tutti, quello del design ‘democratico’, così accessibile da essere riproducibile in casa. Non è noto il nome del regista, ma di certo il film nasce dall’intenzione di Thayaht e del fratello RAM di promuovere la TuTa e i valori che essa rappresenta. Il filmato fa parte di un progetto di promozione studiato dagli stessi artisti e portato avanti in collaborazione con il quotidiano ‘La Nazione’ nel 1920. Il film chiude con l’arrivo del corteo a Piazzale Michelangelo, dove l’attende RAM, anch’egli in TuTa: un ricongiungimento che sottolinea come i creatori, dall’inizio alla fine, siano gli estremi del progetto di condivisione universale.

(Marta Franceschini)

Promoting a dress also means to transmit ideals: modernity speed linearity accessibility. The film portrays the versatile Florentine artist Ernesto Michahelles, aka Thayaht, while drawing the universal dress, the overall (TuTa), icon of the standardization of the people under the regime. United we win, and then tuttintuta! To welcome the birth of the TuTa, the people of Florence expects Thayaht to guide them through the city, staging a kind of second renaissance, which celebrates no more the individual, but the value of the community, of the mass. The film, a valuable historical document – included in the MDFF 2015 program thanks to Vionnet – restored in the fifties and preserved in the Thayaht & RAM Archive, addresses diverse topics; one for all, that of ‘democratic’ design, reproducible and accessible. The name of the director is unknown, but the film shows the intention of Thayaht and brother RAM to promote the TuTa and the values ​​it represents. The movie is part of a promotion project designed by the artists themselves and carried out in collaboration with the newspaper ‘La Nazione’ in 1920. The film closes with the arrival of the procession at Piazzale Michelangelo, where RAM is waiting, of course dressed in overall: a reunion that emphasizes how the creators, from beginning to end, are the extremes of the idea of universality.

Film profile

Director: Anonymous
Script: Thayaht & RAM
Year: 1920
Duration: 8’35’’ mins
Country: Italy
©Archivio Thayaht & Ram, Firenze
Film Partner: Vionnet

Comments are closed.