Modarama: nove film sulla moda al MDFF

La moda entra nel programma del MDFF 2015. Anche quest’anno è prevista una curatela extra territoriale per approfondire un tema specifico: la moda. Guest curator 2015 è Maria Luisa Frisa – Direttore del Corso di laurea in Design della moda e Arti multimediali dell’Università IUAV di Venezia – che in occasione del Festival presenta Modarama: Lo schermo della moda. “Ho selezionato nove film che esplorano gli immaginari che la moda è capace di mobilitare per raccontarsi e che allo stesso tempo narrano l’evoluzione delle forme progettuali e delle figure che animano questa disciplina”, racconta la curatrice.

Si parte dal modernismo della tuta di Thayaht&Ram – esaltata dallo stesso Thayaht e raccontata in un raro documento degli anni Venti dal titolo Una rivoluzione dell’abbigliamento: Il trionfo della TuTa in programma venerdì 16 ottobre alle ore 20.15 in Sala 200 e sabato 17 ottobre alle ore 17.30 sempre in Sala 200 dell’Anteo spazioCinema con il supporto di Vionnet come Film Partner – “per poi attraversare l’universo del tessile italiano con il singolare documentario Sette canne un vestito di Michelangelo Antonioni”, spiega.

Ma non finisce qui: “Poi le psichedelie anni Sessanta con la Polly Maggoo di William Klein; passando con Cerimonia attraverso l’utopia dell’abito e dell’abitare di Superstudio per arrivare alla contemporaneità disegnata dall’immaginazione dei protagonisti dell’oggi: la realtà distopica messa in scena da Hussein Chalayan in Place to Passage, le visioni e i progetti speciali di Prada in Trembled Blossoms e Fallen Shadow. E ancora, quella di Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli per Valentino con l’artista Giosetta Fioroni in The Golden Bough, universi della moda per i quali il rapporto con l’arte e le sue poetiche sono un potentissimo dispositivo dell’ispirazione; e infine la celebrazione della carismatica figura del direttore creativo con Raf Simons che affronta la sua prima sfilata per Dior in Dior and I”.

Comments are closed.