L’année dernière à Marienbad

ANTEO PALAZZO DEL CINEMA

25 ottobre 2019 ore 14:00

[columns_row width=”third”][column]Noto per aver introdotto la narrazione frammentata del tempo e dello spazio, ha fatto scuola. Non spezza solo la linearità temporale, con continui flashback nel passato, ma anche quella spaziale. L’albergo nel quale si svolge, già di per sé simbolo del luogo temporaneo e illusorio, è costituito dalla somma di edifici e giardini diversi, per stile e località – reali e ricostruiti – nei quali è stato girato. Il frammento, che è memoria, è anche dello spazio decostruito. Il set è come un labirinto che si muove, dilata, restringe attraverso l’occhio di Alain Resnais e della fine sceneggiatura di Alain Robbe-Grillet, e soprattutto attraverso i moti psicologici dei personaggi. L’anno scorso a Marienbad segna così il passaggio dal Moderno al Post-Moderno in termini visivi e teorici. Descrive lo spazio come stato mentale, specchio dell’inconscio. Disorienta con l’andamento manipolatorio e intermittente della trama, a tratti delirante, a tratti consapevole, nell’inganno del ricordo di ciò che è stato solo immaginato.[/column] [column]Known for introducing the narration fragmented in time and space, he has set the precedents. It does not only cut through the temporal linearity, with continuous flashbacks in the past, but also the spatial one. The hotel in which it is set, itself already a symbol of the temporal and illusory place, it is made up composed of the sum of different buildings and gardens, in terms of style and location- real and deconstructed- in which it was shot. The fragment, which is a memory, also of the deconstructed space. The set is just like a labyrinth that moves, expands and shrinks through the eye of Alain Resnais and of the ending script of Alain Robbie-Grillet, mostly through the psychological movements of the characters. Last Year in Marienbad marks the shift between Modern and Post-Modern in visual and theoretical terms. He describes the space as a mental status, mirror of the unconscious. It disorients with the manipulatory and intermitting development of the plot, at times delusional, others conscious, in the deception of memory. Otherwise, of what was only imagined.[/column] [column]
Director: Alain Resnais
Year: 1961
Duration: 94′
Language: Original Language, English Subtitles
Country: France
[/column][/columns_row]

Comments are closed.