Franco Albini. Uno sguardo leggero


Senza peso: una libreria in cui i libri sembrano galleggiare, una radio ridotta all’essenziale che svela allo sguardo le valvole tra due pannelli di cristallo, una poltrona costituita da soli tre pezzi. Allestimenti e installazioni dove gli oggetti fluttuano e perdono forma. Architetture mai monumentali e retoriche, che lasciano il segno come la Rinascente di Roma e la linea 1 della Metropolitana milanese. Il pensiero, il gesto, lo sguardo. È attraverso il suo personalissimo sguardo che vogliamo raccontare Franco Albini. Uno sguardo curioso, indagatore, lento, preciso e ripetitivo. Continuo, ossessivo, intenso. È stato il maestro della leggerezza, sognava un mondo senza gravità. Era serio, schivo e taciturno. Amava viaggiare e voleva essere libero da ogni possesso. Si muoveva con la macchina fotografica e una cinepresa 8 mm. Nell’archivio della Fondazione a lui intitolata sono raccolte migliaia di foto, centinaia di bobine filmate. A raccontare la particolarità dello sguardo di Albini sulle cose e sul mondo, tre maestri del cinema e della fotografia: Peter Greenaway, Tatti Sanguineti e Oliviero Toscani.

Weightless: a bookcase where books seem to float, a stripped down radio which reveals its valves in-between two crystal panels, an armchair made of only three pieces. Museum exhibits and installations where objects float and take shape. Architectures that are never monumental nor rhetorical, yet striking, like Rome’s Rinascente and Milan’s metropolitan Line 1.A way of thinking, acting, looking at things. It’s through his very own look that we want to talk about Franco Albini.A curious, inquiring, slow, precise, and repetitive look. Constant, obsessive, intense. He was the master of lightness, dreaming of a world without gravity. He was serious, coy and quiet. He loved traveling and he wanted to be free from every possessions. He walked around with a camera and an 8mm film recorder. In the archive of the Foundation which bears his name there are thousands of photos, hundreds of film reels. In order to tell the peculiarity of Albini’s look on things and the world, three film and photography masters: Peter Greenaway, Tatti Sanguineti and Oliviero Toscani.

Film profile

Director: Valeria Parisi
Year: 2017
Duration: 30′
Country: Italy
Language: Italiano / Italian language
Scheduled for MDFF 2017

Comments are closed.