Particelle danzanti

Particelle danzanti
II rapporto fra arte e scienza
dà il via alla stagione 2016
di Cinema nascosto

C’era la luce, come dress code, c’era il regista e c’era un pubblico numeroso di circa 400 persone. Il primo appuntamento del 2016 di Cinema Nascosto, ha presentato la dance-opera, Symmetry, del regista olandese Ruben van Leer e il documentario sulle fasi preparatorie e sul backstage, Symmetry Unravelled di Juliette Stevens.

Allo scenario dei due cortometraggi, il CERN di Ginevra, è stata contrapposta per la loro proiezione, la Sala Puccini del Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Milano, per meglio sintetizzare le connessioni fra arte e scienza. Entrambi sono luoghi dove le emozioni, pur se di difficile razionalizzazione, trovano forma, suono e linguaggio a ciò che ognuno di noi sente nel profondo, a confronto della materia e dell’Universo.

Nel pluricentenario edificio, dove risiede la bicentenaria istituzione musicale, aleggia l’energia universale della creatività, che i due cortometraggi dimostrano essere l’ancella anche della ricerca scientifica. Svelare la verità ultima delle cose è l’anelito di artisti, filosofi e scienziati. E di ogni progetto che punti alla cognizione del mondo. Questa indagine è stata la base di ispirazione del media artist originario di Naarden (1984), che ha girato il suo film nei luoghi dove si studiano i comportamenti delle particelle elementari. Presente in sala ha risposto alle domande di Virginio Briatore, filosofo del design, con cui hanno conversato sulla straordinaria vicinanza della fisica quantistica alla realtà, provando a immaginare il mondo primordiale, prima del Big Bang che ha originato il tutto.

La serata inaugurale della seconda edizione di Cinema Nascosto è stata accompagnata – e lo sarà per tutte le 11 tappe del 2016 – da una degustazione di benvenuto di vini e cioccolato offerta da Tenute SalvaTerra e Chocolat Milano.

Continuate a seguirci!

2_V_DiMatteo-6963 3_Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-9980 1_V_DiMatteo-6951 4_Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-9987 5_V_DiMatteo-6994 7_V_DiMatteo-7012 8_Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-9934 9_V_DiMatteo-7045 6_Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-9976 12_Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0028 Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0056 13_Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0044 15_Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-9929 16_Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0134 V_DiMatteo-7055 V_DiMatteo-7061 V_DiMatteo-7266 V_DiMatteo-7283 Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0182 Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0083 Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0104 Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0116 Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0163 Web_Cinema-Nascosto_MDFF_Conservatorio_02.02-0205 X_V_DiMatteo-7216 01_DiMatteo-6904
<
>
Ingresso del pubblico attraverso “Il Bosco nel Chiostro” del Conservatorio G.Verdi; al centro la “Lancia di Luce”, 1985, di Arnoldo Pomodoro. Foto di Viviana di Matteo
In collaborazione con

Nilufar Depot


  • Chocolat Milano
  • Istituto Italiano Fotografia
  • Rota&Jorfida
  • L_SAE
  • TVM
  • Fisar. Delegazione di Milano
  • Pubblimetal

Comments are closed.