2 ou 3 choses que je sais d’elle

ANTEO PALAZZO DEL CINEMA

27 ottobre 2019 ore 18:30

Denso di simboli, questo film di Jean-Luc Godard girato nel 1966, disorienta con gusto provocatorio. Parte dalla giornata di una donna parigina per parlare di consumismo e sviluppo urbanistico e del mito del benessere che andava costruendosi in quegli anni. Tutto parla di mercificazione in un messaggio che pone l’attenzione sull’alto costo dell’industrializzazione e della vita nelle metropoli in espansione. Pieno di citazioni letterarie, riflette anche sul linguaggio e, raccogliendo il disagio sociale del momento, inserisce rimandi alla situazione geopolitica internazionale. Un “prodotto cinematografico” che non vuole essere consumato, ma prova a scandagliare la realtà attraverso l’ambigua voce della coscienza.
Charged with symbols, this movie by Jean-Luc Godard shoot in 1966, disorient with provocative taste. It starts with the day of a Parisian woman to talk about consumerism and the urban development of the myth of wealth that was building up in those years. Everything talks about commodification in a message that set the attention on the high cost of industrialisation and the life in expanding metropolis. Full of literary citations, it also reflects on the language and, collecting the social malaise of the time, he inserts references to the international geopolitical situation. A “ cinematographic product” that does not want to be consumed, but tries to fathom reality through the ambiguous voice of coscience.
Director: Jean-Luc Godard
Year: 1967
Duration: 87′
Language: Original Language, English Subtitles
Country: France

Comments are closed.