MDFF torna al MAXXI di Roma

Quattro proiezioni e talk
per YAP Fest 2015

Con il titolo Comunicare l’architettura e il design, Milano Design Film Festival ha selezionato quattro pellicole per tre date allo YAP Fest del Maxxi di Roma, il progetto di promozione della giovane creatività e dell’architettura
 che il Museo nazionale delle Arti del XXI secolo da cinque anni realizza in partnership con il MoMA/MoMA PS1.

Rinnovando la collaborazione già collaudata lo scorso anno, per questo nuovo appuntamento MDFF, come piattaforma dedicata alla divulgazione della creatività e dei nuovi sistemi di comunicazione legati all’uso dell’audiovisivo, propone quattro pellicole diverse dal punto di vista della regia favorendo un’ampia lettura sulla progettazione di ieri e di oggi. È una delle occasioni itineranti tramite le quali MDFF si afferma come partner per le manifestazioni italiane ed estere dedicate al design e all’architettura. E allo stesso tempo è un modo per distribuire e far conoscere il suo lavoro e il lavoro dei registi che incontra e sostiene con l’edizione principale del festival, che si svolge a Milano in ottobre (quest’anno dal 15 al 18).

Si inizia il primo luglio, per l’inaugurazione della manifestazione romana, con Dove vivono gli architetti di Francesca Molteni e Davide Pizzigoni, che porta nelle case di otto fra i più famosi architetti internazionali contemporanei che aprono i loro spazi privati raccontando aneddoti biografici, coincidenze e divergenze fra la vita privata e quella lavorativa. Fra questi Mario Bellini, che interverrà durante la serata insieme alla regista.

Gli appuntamenti proseguono l’8 luglio con una doppia proiezione. La lezione di Achille Castiglioni all’International Design Conference ad Aspen nel 1989. Leggera, divertente e sapiente, racchiude tutto l’estro, la capacità comunicativa e umana del designer. Ventotto minuti in cui si rivive quel contatto diretto che sapeva creare con i suoi interlocutori e da cui si impara molto di lui e del suo modo di progettare. Ospite della serata è Carlo Castiglioni, curatore dello Studio-Museo e della Fondazione intestata al padre.

Nella serata dedicata alla libertà progettuale, segue il film Great Expectations di Jesper Wachtmeister: un viaggio nelle visioni più ardite dell’abitare, distillate nel corso del secolo scorso dai maestri della storia dell’architettura e divenute un esempio per intere generazioni di progettisti.

Il programma di MDFF si chiude il 15 luglio con: Le Corbusier 50. Storia di incontri che hanno rivoluzionato il design. Un tributo nell’anno dell’anniversario dei 50 anni della sua morte, realizzato da Didi Gnocchi e Valeria Parisi in collaborazione con Sky Arte HD, e centrato sulla produzione dei mobili pensati con Charlotte Perriand e Pierre Jeanneret affidata dal 1964, direttamente da Le Corbusier, a Cassina. Divenuti icone incontestabili del panorama internazionale del design hanno contribuito a creare la fama del Made in Italy e di una delle maggiori aziende italiane del mobile.

YAP – Young Architects Program http://www.fondazionemaxxi.it/events/yap-maxxi-2015/:
 si articola con un calendario fitto fino all’8 ottobre con le sezioni: Teatro in piazza (con Santarcangelo dei teatri), Great Nights (pic-nic e musica da Cina, Africa, India e Argentina) e L’Arte del Racconto. Sullo sfondo l’istallazione 
di architettura vincitrice di YAP, Great Land del Gruppo Corte. Curatori di tutto il progetto sono: Irene De Vico Fallani, Paolo Le Grazie, Elena Pelosi, Viola Porfirio, Alessio Rosati, Nicola Sapio, Stefania Vannini.
www.fondazionemaxxi.it

1, 8, 15 luglio 2015
MAXXI Museo nazionale delle Arti del XXI secolo
Via Guido Reni 4/A
Roma

Comments are closed.