Grande Hotel

It’s one of those stories that helps understand how much the life of some buildings is autonomous compared to the purpose they were conceived for.
È una di quelle storie che fa comprendere quanto la vita di alcuni edifici sia autonoma rispetto al destino per cui sono stati concepiti.

Become now one of the biggest squats in the world, Beira’s Grand Hotel was born to be the expression of the portuguese colonial policy in Mozambic. A Majestic hotel structure of 12 thousand squared meters opened in 1954 and destined to receive, in the luxury of only 110 rooms, an exlusive public. But the economic conditions first, and the course of history then changed its destiny. Used as a military base during the war of colonial liberation in the mid 70s, it was then abandoned and little by little repopulated by thousands of people that have impoverished it of all the finishings and furniture to pay the rent due to the army. Without electricity and running water it is now owned by the Local Administration, and it is inhabited, in a sort of self-government, above all by refugees of the civil war, among whom some ex-employees of the structure. Secrets, memory and modernity  together with old films and archive material, show the events and the forthcoming faith awaiting for it.

Divenuto ora uno dei più grandi squat al mondo, il Grande Hotel di Beira era nato per essere l’espressione della politica coloniale portoghese in Mozambico. Una maestosa struttura alberghiera di 12mila metri quadri inaugurata nel 1954, e destinata a ricevere nel lusso di sole 110 stanze un pubblico esclusivo. Ma le condizioni economiche prima, e il corso della storia poi, hanno spostato il binario. Utilizzato come sede militare durante la guerra di liberazione coloniale della metà degli Anni 70 fu abbandonato e via via ripopolato da migliaia di persone che lo hanno depauperato di tutte le finiture e gli arredi per pagare l’affitto dovuto ai militari. Non dotato di elettricità né di acqua corrente è ora del Comune, ed è abitato con una forma di autogoverno, soprattutto da rifugiati della guerra civile, di cui alcuni ex dipendenti della struttura. Segreti, memoria e attualità, insieme a filmati d’epoca e materiale d’archivio, ricostruiscono le vicende e l’imminente sorte che lo aspetta.

Film profile

Director & Script: Lotte Stoops
Year: 2010
Duration: 70 mins
Country: B
Director of Photography: Joao Ribeiro
Editing: Katerina Turler, Dieter Diependaele
Sound design and mix: Yves De Mey
Music: Lula Pena
Scheduled for MDFF 2014
See Trailer

 

Comments are closed.