Day #2 MDFF 2016

Giulia Bottiani-14 Giulia Bottiani-11 Martina Elena Badalamenti-10 Martina Elena Badalamenti-21 Martina Elena Badalamenti-18 Martina Elena Badalamenti-16 Martina Elena Badalamenti-13 Martina Elena Badalamenti-33 Martina Elena Badalamenti-23 Martina Elena Badalamenti-32 Martina Elena Badalamenti-34 Francesca Ciuffreda-13 Francesca Ciuffreda-21 Francesca Ciuffreda-33 Samantha Caligaris-16 Francesca Ciuffreda-14 Francesca Ciuffreda-16 Annalisa Moschini-3 Francesca Ciuffreda-30 Samantha Caligaris-34 Annalisa Moschini-18 Annalisa Moschini-16 Annalisa Moschini-17 Annalisa Moschini-7 Annalisa Moschini-11 Annalisa Moschini-13 Francesca Ciuffreda-48 Francesca Ciuffreda-50 Chiara Fusar Bassini-5 Annalisa Moschini Chiara Fusar Bassini-7 Francesca Ciuffreda-40 Francesca Ciuffreda-43 Giulia Bottiani-24 Annalisa Moschini-24 Annalisa Moschini-28 Annalisa Moschini-29 Annalisa Moschini-30 Annalisa Moschini-36 Annalisa Moschini-59 Annalisa Moschini-43 Annalisa Moschini-64 Giulia Bottiani-4 Giulia Bottiani-15 Chiara Fusar Bassini-22 Francesca Ciuffreda-52 Francesca Ciuffreda-63 Giulia Bottiani-19 Francesca Ciuffreda-67 Francesca Ciuffreda-68 Chiara Fusar Bassini-8 Giulia Bottiani-23 Chiara Fusar Bassini-12 Chiara Fusar Bassini-16 Chiara Fusar Bassini-13
<
>
Al Panel discussion #1 Design Through Video, la giornalista Barbara Sgarzi, il responsabile marketing Fornasetti Giovanni Gennari, il giornalista Guido Bagatta, la fondatrice di H Films Daniela Cattaneo, Marco Cendron dell'agenzia Pomo e il designer Keiichi Matsuda © Martina Elena Badalamenti

Secondo giorno del MDFF 2016. Molte le première in rassegna tra cui “Jean Nouvel Reflections“, presentato in sala dall’architetto Filippo Francescangeli, il professore del Politecnico di Milano Giampiero Bosoni e Giulia Molteni, Head of marketing and communication Molteni&C Dada. La pellicola in modo efficace ha svelato la personalità del celebre architetto francese e il suo approccio, alla ricerca della leggerezza e della semplicità, che parte dalla comprensione del contesto in cui si situa l’architettura. Gianluca Migliarotti presenta in prima assoluta “Driving Dreams“, il documentario sul car design italiano tra gli anni Sessanta e Settanta insieme ad alcuni dei protagonisti del film: il car designer Paolo Martin e il collezionista di auto d’epoca Corrado Lopresto. La presentazione del cortometraggio “Before Design: Classic” di Matteo Garrone, e del relativo backstage, auspica la continuazione della collaborazione tra il MDFF e Il Salone del Mobile Milano. Presenti in sala, Simone Ciarmoli dell’agenzia CQS, Marco Sabetta e Luciano Colombo de Il Salone del Mobile Milano e Silvia Latis della Fondazione Cosmit Eventi che hanno svelato retroscena delle riprese all’interno della suggestiva Piscina Mirabilis di Castel Volturnio. Tra i film sponsor presentati in esclusiva: “Having a Cigarette with Álvaro Siza“, con Michela de Mattio, PR del Gruppo Marazzi e “Eye over Prague“, introdotto da Marcel Náhlovský, marketing director di Lasvit e l’international design consultant Stephan Hamel. Altra importante esclusiva il film “Yesterday/Tomorrow“, il documentario sulla costruzione della scuola a Chipakata in Zambia, sostenuto dall’americana 14+Foundation.

Quest’ultimo film ci riporta a uno dei temi fil rouge della quarta edizione del Festival, il design per il sociale, che è stato anche l’argomento di uno dei Panel discussion della giornata. Personaggi impegnati in modo differente su questo tema, hanno portato le loro esperienze al PD #3 Design Though Awareness, testimoniando che il progetto può essere davvero il volano per migliorare condizioni di vita di povertà estrema e portare prosperità e forme sostenibili di economia sul territorio, così come per ridare dignità alle persone. Altri tre le tavole rotonde della giornata: PD #1 Design Though Video, in cui dopo lo speech introduttivo del sociologo Francesco Morace, si sono avvicendati gli esempi di creativi, registi ed esperti di media che testimoniano non solo quanto il video sia il medium privilegiato nella comunicazione d’azienda e personale ma anche, grazie ai una nuova generazione di “consum-autori”, esso acquisisca valore nel rispetto e nella relazione delle comunità sociali. Il Panel discussion #2 L’Anarchitetto e il Cinema ha visto il professore della NABA Marco Scotini con il celebre architetto del radical design Gianni Pettena approfondire il ruolo del video nell’espressione progettuale di Gordon Matta-Clark. L’agenzia ROOFmatters e l’Associazione OrtiAlti con, tra gli altri, il “giardiniere volante” Giovanni Ugo hanno raccontato con molti esempi la possibilità concreta, sostenibile e generatrice di economie, della progettazione di tetti verdi negli spazi di risulta della città.

Ogni giorno del Festival, gli ospiti sono intervistati dagli studenti del SAE Institute che pubblicheranno le interviste sul canale youtube del Milano Design Film Festival. Gli allievi del Master in Phography and Visual Design della NABA, invece, si occupano del reportage fotografico.

 

Comments are closed.